Formazione

Scritto da il Apr 11, 2009 in Fare | 12 commenti

Formazione

Primo principio della formazione
Empatia! Rispetto! Accettazione!

Primo principio della formazione
Predisposizione, Bene-disposizione

Sia il formatore che l'alunno ascoltano ed imparano!

Primo principio della formazione
Aiuta solo chi vuole essere aiutato!

Primo principio della formazione
Umiltà

Sia l'alunno che il formatore non finiscono mai di imparare

Primo principio della formazione
Voglia di crescere

Primo principio della formazione
tutti meritano di crescere

Tutti possono crescere

Primo principio della formazione
Usare la paura..

Veicolare la paura in attenzione nel metodo

Primo principio della formazione
Un passo e metabolizzazione

precisione = efficacia….  lentezza e calma= Velocità assoluta

Primo principio della formazione
se vuoi motivare, dai gioia attraverso la gioia.

la saggezza è il frutto di lunga disciplina ed esercizio,
tuttavia chi la possiede, lo fa senza fatica.

é sempre in cammino e raggiunge la meta, non
perchè cerca….cresce.

Marco Nescatelli

Marco Nescatelli

Marco Nescatelli

Marco Nescatelli, ideatore di KataClimb
Maestro di Arrampicata Sportiva dal 1992.
Direttore e fondatore dell'Accademia di arrampicata Roma Center Climb.
Marco Nescatelli

Latest posts by Marco Nescatelli (see all)

12 Commenti

  1. Empatia, rispetto , predisposizione,umiltà, voglia di crescere …..ma la metà sembra esser così lontana così irrangiungibile …… non si riesce a capire quando si cresce e quando si fanno passi avanti verso la meta …

  2. che vertigine guardando la tua foto! e che vertigine provocano i tuoi pensieri! concordo quando dici di motivare gli altri con la gioia perchè crei gioia!! tutti possono crescere basta solo volerlo e crederci sinceramente!!!… al pensiero deve segiuire però l’azione non celarsi dietro la vertigine!!..grande Marco : )

  3. Cambiamo sempre,
    cresciamo sempre,
    miglioriamo sempre,
    dove arriveremo non si sa…
    intanto viviamo al massimo.

  4. la crescita avviene dentro di te..non in qualche luogo al di fuori del tuo essere..basta sapersi ASCOLTARE costantemente anche durante i cambiamenti più bruschi e violenti e vedrai che riuscirai a capire la tua CRESCITA..e poi ricorda che la tua mèta è un’illusione perchè una volta “arrivato” inizierà subito un nuovo percorso..quindi i tuoi passi non ti possono portare altro che avanti..

  5. la parete verticale agli occhi dei profani è liscia senza appigli.Si incomincia scalare e si impara a vedere quelli grandi.Si diventa bravi e si vedono quelli più piccoli.Poi quasi improvvisamente non si vede più nulla,ecco quello è il momento della fatica.Non ho mai smesso di faticare e sono ancora in cerca dell’appiglio.

  6. La fatica passa quando si trova la gioia di quello che si fa…si trova la gioia di quello che si fa quando si accetta la propria differente identità 🙂
    ma anche il fare ci aiuta a capire chi siamo…

  7. “Nell’appiglio” la ricerca rappresenta la capacità di osare.Tentare!L’espressione gestuale del corpo puo’ realizzarsi solo se lo spirito di ciascuno di noi consente alla mente di elaborare la volontà di passare.”uomo non è colui che stà sempre dritto ma quello che cadendo trova la capacità di rialzarsi.”

  8. Si-può-fareeeeee!:-)(da Frankenstein jr.)
    Coesistenza e condivisione!
    Forza! diamoci “una mano”!
    L’uomo è l’umanità!

  9. Hey bro!
    Light and Fluid as always—
    peace

    Nico

  10. Caro Nask,in Frankestein Jr non si sono scambiate
    le mani…….pareti nuove fanno sempre bene,dipende dall’angolazione con cui si presentano!!!

  11. feel the air…

  12. gli obiettivi sono delle limitazioni …
    noi non sappiamo dove possiamo arrivare!
    godiamoci intanto questo momento che non troveremo più…
    imparando ad amare ci avvicineremo alla comprensione 😉

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: